FLOW (it) - PetitGrandMonde

Aller au contenu

FLOW (it)

HIDDEN
Il FLOW o l'esperienza ottimale

Vi sarà capitato di vivere momenti in cui la vostra creatività e produttività erano al massimo, senza intoppi.
Quei momenti in cui siete completamente assorbiti da un'attività e tutto fila liscio si chiamano stati di FLOW.

Mihaly Csikszentmihalyi è l'ex presidente del Dipartimento di Psicologia dell'Università di Chicago e del Dipartimento di Sociologia e Antropologia del Lake Forrest College. È noto come l'architetto della nozione di FLOW, che corrisponde a un'esperienza ottimale.

In psicologia positiva, il FLOW è uno stato mentale raggiunto da una persona quando è completamente immersa in un'attività e si trova in uno stato di massima concentrazione, pieno impegno e soddisfazione nel portarla a termine.
Fondamentalmente, il FLOW è caratterizzato dal totale assorbimento di una persona nella sua occupazione.
È uno stato psichico in cui un individuo è fortemente impegnato in un'attività per il suo valore intrinseco, non per altri scopi. L'attività è fine a se stessa.

Questo stato è così piacevole che le persone sono disposte a cercarlo, a volte a caro prezzo, solo per il piacere di raggiungerlo.
Le attività che inducono il flusso sono quindi attività per le quali si è intrinsecamente motivati.
Tuttavia, attenzione: si può essere intrinsecamente motivati a svolgere un compito (ad esempio, a prendere il sole) senza che questo rappresenti una situazione di FLOW.
Perché si verifichi il FLOW, sono necessari concentrazione e sforzo.
Al contrario, alcune attività richiedono molta concentrazione senza motivare intrinsecamente l'individuo. Neanche queste generano uno stato di FLOW.

Le attività che inducono il flusso sono impegnative e possono riguardare qualsiasi campo, a seconda degli interessi e delle capacità dell'individuo (ad esempio, scalare una montagna, suonare in un'orchestra, cucinare, guidare una moto, giocare con i bambini, ecc.)
L'attività in questione deve quindi essere una sfida che richiede particolari abilità.
Si tratta di situazioni in cui le richieste del compito corrispondono perfettamente alle capacità dell'individuo. In altre parole, l'individuo è in grado di portare a termine il compito se è disposto a compiere gli sforzi adeguati.

Il FLOW è un fenomeno universale, presente in tutte le culture del mondo.
Il suo nome risale al 1975, quando Csíkszentmihályi intervistò alcune persone che descrissero la loro esperienza dicendo di essere trasportate come dalla corrente di un fiume.

Si può definire in 8 punti principali

  1. Il compito intrapreso è realizzabile ma impegnativo e richiede una particolare abilità. Quest'attività sviluppa un senso di efficacia, in quanto fa coincidere il nostro livello di competenza con la sfida che presenta.

  2. L'individuo è concentrato su ciò che sta facendo

  3. L'obiettivo è chiaro e intrinsecamente gratificante. L'attività viene svolta per se stessa, non per raggiungere qualche altro obiettivo, finanziario, sociale, ecc.

  4. L'attività in corso fornisce un feedback immediato

  5. L'impegno dell'individuo è profondo e rimuove tutte le distrazioni.

  6. La persona ha il controllo delle proprie azioni

  7. La preoccupazione per il sé scompare, ma paradossalmente il senso del sé si rafforza come risultato dell'esperienza ottimale.

  8. La percezione del tempo è alterata. In questa distorsione temporale, si è completamente assorbiti dal momento presente, non si sente il tempo che passa, non c'è più fame, non c'è più stanchezza...

Quando entriamo in uno stato di flusso, non sperimentiamo necessariamente e sistematicamente tutti questi elementi. Tuttavia, una buona parte di essi sarà presente.

Secondo Csíkszentmihályi, il FLOW è uno stato totalmente motivazionale.
Si tratta di un'immersione totale, che è forse l'esperienza definitiva, che utilizza le emozioni per le prestazioni e l'apprendimento.
In FLOW, le emozioni non sono solo contenute e incanalate, ma in piena coordinazione con il compito da svolgere.
La caratteristica distintiva di FLOW è una sensazione spontanea di gioia, persino di estasi, durante un'attività.

In francese, l'espressione "état de grâce" è talvolta usata in senso profano, ad esempio quando si accetta un lavoro o si sostiene un esame orale: le situazioni e le azioni da compiere sembrano presentarsi con grande chiarezza.
Il FLOW ha molte analogie con lo stato di iperconcentrazione, almeno nei suoi aspetti positivi.

I vantaggi di FLOW

Quando siamo in uno stato di FLUSSO, il cervello rilascia diversi ormoni (noradrenalina, dopamina, anandamide, serotonina ed endorfina) che hanno diversi effetti positivi. Queste secrezioni ormonali aumentano la capacità di trattenere le informazioni, la velocità di elaborazione, la motivazione e la capacità di adattamento e creatività.

Durante gli esperimenti FLOW si verifica anche una diminuzione dell'attività della corteccia prefrontale, probabilmente legata alla perdita di consapevolezza di sé, alla perdita di autocritica (giudizi di valore sulle proprie prestazioni) e alla perdita del senso del tempo.
Si ipotizza inoltre che questa ridotta attivazione della corteccia prefrontale consenta ad altre aree del cervello di comunicare più liberamente.
Tuttavia, la ricerca sulla neuropsicologia del FLOW è ancora recente. Questi elementi devono quindi essere considerati con una certa riserva per il momento.

Le conseguenze concrete dell'esperienza ottimale

Da quando le esperienze ottimali sono state identificate e definite scientificamente, numerosi studi ne hanno dimostrato i benefici.
Il FLOW ha un impatto significativo sul benessere e sulla felicità, sulla concentrazione, sull'autostima, sulla creatività e sulle prestazioni.

Questo concetto è stato ampiamente utilizzato in molti campi, dallo sport alla spiritualità, dall'educazione alla seduzione.
Un tipo di esperienza che viene spesso citata come esempio perché molto rappresentativa del FLOW è lo sport. Infatti, molti sportivi riportano esperienze di FLOW durante l'attività fisica. Questo è ciò che chiamano "essere nella zona". In un'attività fisica che richiede di essere reattivi, di prestare attenzione a ciò che accade intorno a noi mentre si compie uno sforzo fisico, spesso non c'è spazio per pensare ad altro - o la prestazione ne risente. Questo tipo di attività è quindi un modo semplice per indurre il FLOW.

Uno stato di FLOW si osserva molto spesso anche nei musicisti, sia che suonino da soli che con altri. Naturalmente, questo non è sistematico e richiede una sufficiente padronanza dello strumento.
Ma se non siete né musicisti né sportivi, non preoccupatevi: tutte le attività possono prestarsi a un'esperienza ottimale. È sufficiente che l'attività scelta soddisfi i criteri di interesse, abilità e sfida menzionati sopra.

Conclusione
Le esperienze ottimali, o FLOW, sono uno stato mentale universalmente riconosciuto che porta felicità e realizzazione personale. Tutti abbiamo sperimentato il FLOW ed è importante poterlo sperimentare regolarmente.


Se volete saperne di più, vi invito a leggere i libri molto accessibili di CsiKszentmihalyi o a guardare il suo discorso TED sul flow.
Visiteurs
1437
Retourner au contenu